Farsi fregare da un tortellino

C’ho un problema, un’esigenza. Devo sfogarmi. E’ mai possibile che debba sentire in giro la speranza della caduta del tiranno per mano di un fascista? E’ possibile che molte persone, anche intelligenti, tifino per un fascista? Sto parlando del tortellino numero uno, quello scaltro e opportunista, che sta smarcandosi semplicemente perché ha intuito che il momento è giunto. Tutto qui. E c’è chi dice che qualsiasi sia il motivo, ben venga la manovra. Ma dai? Elogi del Fini progressista, che mi tocca sentire. Fini è fascista. Lo è sempre stato, anche se ha opportunamente deluso i cosiddetti nostalgici più e più volte. Dentro di sé dimostra di esserlo, da sempre. Si aggrega al capo, finché gli conviene. Firma leggi imbarazzanti, anzi no, fasciste, e che sono tutt’ora in vigore, ma la gente sembra essersene dimenticata. Lo stiamo legittimando ancora, come si è fatto col Berlusconi 15 anni fa. Qualcuno si alleerà con lui, magari Di Pietro, che tanto questa distanza ideologica tra i due non c’è.

Presto ci troveremo a combattere con  questa nuova destra, e la cosa che temo è che molti ci si butteranno dentro credendo sia moderata. Per me destra e sinistra sono ancora distinguibili, e hanno un senso nella loro contrapposizione, anche se c’è chi lo nega. La macchietta di lunedì durante “Vieni via con me” è stata alquanto ridicola, sia nella forma che nei contenuti. Pd e Fli sono disastrosi. Entrambi. Una bella analisi delle due “liste di valori”* (per me questa espressione equivale ad un ossimoro.. si può mai fare una lista di valori come se fosse la spesa?) neanche a dirlo l’ho trovata stasera su Giap.. Perfettamente condivisibile, la mediocrità di Bersani e l’efficace pochezza di Fini. In chiave comica invece consiglio le parole di Crozza:

Alla fine penso che la crisi di governo, qualsiasi cosa accadrà, è ridicola. Lo è perché in questo momento storico, con la ben più seria crisi economica, solo un pagliaccio come Berlusconi, per di più pressato dai suoi problemi personali, può voler tenere il timone della nave che affonda. Ma chi glielo fa fare alle opposizioni (che ne abbiamo tante ormai, anche se non si oppone nessuno realmente) di imbarcarsi in queste condizioni? Non vorrei azzardare, ma ho la sensazione che la crisi si possa risolvere, all’italiana.

Il mio nemico numero uno comunque, per il momento, è Fini. Non perché Berlusconi sia superato, affatto. E’ che temo ancora di più il berlusconismo senza Berlusconi, e l’intera classe politica ci è dentro, perfettamente. Qualcuno sarà orfano del nemico, qualcun’altro del padrone (ma si ricicleranno presto), qualcuno festeggerà, anch’io penso di stappare una bottiglia, in fondo, anche se so che il giorno dopo oltre il mal di testa avrò un casino di problemi irrisolti, che per di più saranno resi semi invisibili dall’assenza del coagulante principale.

*Dal twitter dei @Wu_Ming_Foundt durante la puntata: Destra vuol dire stare in questura a Genova nei giorni del G8, a dirigere la mattanza per le strade.

Per chiudere, un bellu videu che è entrato nei Trending Topics di Twitter Italia (si ora ci sono pure i nostri!):

Annunci

5 pensieri su “Farsi fregare da un tortellino

  1. Giz ha detto:

    C’è dell’Italia nel marcio, sì, direi quasi che il marcio si sia qui imperfettito, La Perfezione Del Marcio! 😉

    Per quanto riguarda Fini, mi sorprende di come lo sopravvaluti. Il mio nemico numero uno è quello che manovra lui e il Nanochet, la Lega e la mafia.

  2. =) La perfezione del marcio…eheh… come darti torto su Fini, lo so che non sono loro che reggono le fila, ma semplicemente i burattini.. però mi fa troppa rabbia leggere in giro apprezzamenti e rivalutazioni del fascista. Si, che stava su marte fino all’altro ieri, come ho letto da qualche parte! Te come la vedi sta crisi? L’Irlanda è la prossima e poi tocca a noi, ma io credo che non riuscirà ad implodere nemmeno stavolta, e staremo peggio.

  3. Giz ha detto:

    Fini è un furbastro che fa un mestiere sporco, tutto qui. Gli apprezzamenti vengono da una parte politica che non può non sperare in lui, smarrita com’è.

    L’economia irlandese verrà salvata? Quisquilie, è come se salvassero l’economia, chessò, delle Marche. Il debito pubblico italiano è immenso. Fossi furbo e carogna come un politico di professione, e all’opposizione, lascerei il circo governativo dov’è ancora per un po’. Perché se nel 2011 i nazisti dovessero perdere le elezioni, puntualmente la pirlesca compagine neogovernativa si prenderebbe tutti i demeriti di un fallimento targato Hardcore.

    Dobbiamo schiantarci? Meglio che ci schiantiamo il prima possibile. Quindi meglio tenere al volante Tremonti, Calderoli e Romani.

    Ultimo: non è vero che IDV potrebbe allearsi con FLI. Vi sono divergenze inconciliabili, per esempio sui temi di: acqua pubblica, energia, diritti civili, difesa, politica estera. IDV è piena di ex comunisti che hanno mollato il Partito Democristiano; se fa l’alleanza col Tortellino a Di Pietro lo impiccano.

  4. Concordo, sono convinta che salveranno Silvio a costo di far mancare i loro numeri, se quelli di FLI dovessero mantenere quel che pare abbiano garantito: ovvero la caduta del governo. E concordo anche sugli elettori IDV, e su molti dei rappresentanti. Sta di fatto che Di Pietro, che io sappia, e ancora padre/padrone là dentro, e non è De Magistris. In chiave antiberlusconiana, secondo me, tenterebbe una cazzata. La pagherebbe cara, ma non ho tutta questa stima in lui da escludere che possa fare questo casino.

  5. Esercizi
    by Internazionale on Friday, November 19, 2010 at 2:00pm

    Calcolare il numero di anni in cui è stato alleato di Silvio Berlusconi (sedici).

    Memorizzare almeno un paio di sue frasi famose (“Mussolini è stato il più grande statista del secolo”, La Stampa, 1 aprile 1994; “Ci sono fasi in cui la libertà non è tra i valori preminenti”, La Stampa, 3 giugno 1994).

    Elencare i nomi dei deputati per cui ha negato l’autorizzazione a procedere o all’arresto (Cesare Previti; Marcello Dell’Utri; Gaspare Giudice; Amedeo Matacena; Umberto Bossi, accusato per la frase “Col tricolore io mi pulisco il culo”).

    Trascrivere i numeri di due delle leggi di cui è stato promotore (189/02, primo firmatario con Umberto Bossi della legge sull’immigrazione clandestina; 49/06 primo firmatario con Carlo Giovanardi della legge che elimina la distinzione tra droghe pesanti e droghe leggere, e tra consumo e spaccio di droga).

    Tradurre la frase del Guardian a proposito della sua presenza nella questura di Genova durante il G8 del luglio 2001 (“He has never been required to explain what orders he gave”).

    Esercizi da fare per resistere alla tentazione di non trovare poi così male Gianfranco Fini. Giovanni De Mauro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...