Farsi fregare da un tortellino

C’ho un problema, un’esigenza. Devo sfogarmi. E’ mai possibile che debba sentire in giro la speranza della caduta del tiranno per mano di un fascista? E’ possibile che molte persone, anche intelligenti, tifino per un fascista? Sto parlando del tortellino numero uno, quello scaltro e opportunista, che sta smarcandosi semplicemente perché ha intuito che il momento è giunto. Tutto qui. E c’è chi dice che qualsiasi sia il motivo, ben venga la manovra. Ma dai? Elogi del Fini progressista, che mi tocca sentire. Fini è fascista. Lo è sempre stato, anche se ha opportunamente deluso i cosiddetti nostalgici più e più volte. Dentro di sé dimostra di esserlo, da sempre. Si aggrega al capo, finché gli conviene. Firma leggi imbarazzanti, anzi no, fasciste, e che sono tutt’ora in vigore, ma la gente sembra essersene dimenticata. Lo stiamo legittimando ancora, come si è fatto col Berlusconi 15 anni fa. Qualcuno si alleerà con lui, magari Di Pietro, che tanto questa distanza ideologica tra i due non c’è.

Presto ci troveremo a combattere con  questa nuova destra, e la cosa che temo è che molti ci si butteranno dentro credendo sia moderata. Per me destra e sinistra sono ancora distinguibili, e hanno un senso nella loro contrapposizione, anche se c’è chi lo nega. La macchietta di lunedì durante “Vieni via con me” è stata alquanto ridicola, sia nella forma che nei contenuti. Pd e Fli sono disastrosi. Entrambi. Una bella analisi delle due “liste di valori”* (per me questa espressione equivale ad un ossimoro.. si può mai fare una lista di valori come se fosse la spesa?) neanche a dirlo l’ho trovata stasera su Giap.. Perfettamente condivisibile, la mediocrità di Bersani e l’efficace pochezza di Fini. In chiave comica invece consiglio le parole di Crozza:

Alla fine penso che la crisi di governo, qualsiasi cosa accadrà, è ridicola. Lo è perché in questo momento storico, con la ben più seria crisi economica, solo un pagliaccio come Berlusconi, per di più pressato dai suoi problemi personali, può voler tenere il timone della nave che affonda. Ma chi glielo fa fare alle opposizioni (che ne abbiamo tante ormai, anche se non si oppone nessuno realmente) di imbarcarsi in queste condizioni? Non vorrei azzardare, ma ho la sensazione che la crisi si possa risolvere, all’italiana.

Il mio nemico numero uno comunque, per il momento, è Fini. Non perché Berlusconi sia superato, affatto. E’ che temo ancora di più il berlusconismo senza Berlusconi, e l’intera classe politica ci è dentro, perfettamente. Qualcuno sarà orfano del nemico, qualcun’altro del padrone (ma si ricicleranno presto), qualcuno festeggerà, anch’io penso di stappare una bottiglia, in fondo, anche se so che il giorno dopo oltre il mal di testa avrò un casino di problemi irrisolti, che per di più saranno resi semi invisibili dall’assenza del coagulante principale.

*Dal twitter dei @Wu_Ming_Foundt durante la puntata: Destra vuol dire stare in questura a Genova nei giorni del G8, a dirigere la mattanza per le strade.

Per chiudere, un bellu videu che è entrato nei Trending Topics di Twitter Italia (si ora ci sono pure i nostri!):

Annunci