1 ottobre tra grandi opere trivellate e resistenze mai dome

Sei anni dall’alluvione. Anzi no, sei anni di alluvioni. Come una ruota che gira e prima o poi tutti tocca. Non c’è caso e non c’è destino però, ci sono precise responsabilità, sistemiche, diffuse e concentrate. Ignavia, inerzia e dolo.

Intanto la Sicilia è l’unica regione tra quelle interessate a non mobilitarsi contro le trivellazioni. Crocetta ha i suoi interessi tra Eni e Gela. Intanto la centrale Edipower di S. Filippo del Mela dovrebbe diventare un inceneritore (le espressioni tipo ‘termovalorizzatore’ lasciamole a chi piace l’ombrello di Altan).

Intanto torna in primo piano il discorso del Ponte sullo Stretto, rivendicato da Alfano nonostante la freddezza di Del Rio. Ma è più preoccupante il fatto che ancora troppa gente ritenga positivo e auspicabile, addirittura necessaria questa Grande Opera nonostante le evidenze contrarie, nonostante l’infinita quantità di soldi pubblici gettati via negli ultimi decenni per compilare solo inutili faldoni che giacciono negli uffici pubblici.

C’è uno svincolo autostradale (Giostra) aperto solo a metà, ci sono strade e viadotti che stanno in piedi per miracolo, gallerie con un meraviglioso quanto raro fenomeno (poco) naturale di pioggia al coperto. Col ponte invece…

Nel frattempo, nell’agonizzante quotidiano le resistenze sono sempre più messe a dura prova. Penso a quanto dice Wu Ming 1 rispondendo ad una cronista di Repubblica: a Messina due attivisti del Teatro Pinelli hanno subito una condanna vergognosa nell’indifferenza dei più:

TEATRO PINELLI OCCUPATO
Comunicato stampa 25 settembre 2015

Ieri, 24 settembre 2015, Irene e Sergio, i due attivisti arrestati per avere espresso solidarietà a una senza casa accampatasi in un’aiuola posta nei pressi del Tribunale e del Rettorato, sono stati condannati rispettivamente a 6 e 10 mesi di detenzione. La sentenza giunge inaspettata, specie dopo la visione completa dei video forniti da emittenti locali e le testimonianze, favorevoli agli imputati, da parte di carabinieri presenti all’azione dimostrativa delle settimane scorse. Testimonianze e filmati privi di tagli, che mostrano una realtà dei fatti ben diversa da quella suggerita nel corso di una campagna politica e mediatica volta a descrivere i suddetti attivisti come violenti. Una realtà fattuale tanto diversa da costringere il Pubblico Ministero a fare decadere tre accuse su quattro e chiedere che gli imputati venissero condannati, unicamente per “resistenza psicologica”, a 4 mesi di detenzione.

I filmati esibiti nel corso del processo verranno messi a disposizione dell’opinione pubblica non appena sarà tecnicamente possibile. Crediamo che la loro visione conforterà la nostra impressione che la sentenza di ieri sia molto poco giuridica – legata cioè a una obiettiva analisi dei fatti materiali – e decisamente politica. È infatti evidente che rinunciare a una condanna esemplare degli attivisti – pur in presenza di prove inoppugnabili della loro personale innocenza – avrebbe significato porre automaticamente sotto accusa i vigili urbani e quel complesso politico che si è mobilitato a loro difesa. Stabilire l’innocenza degli imputati, sia pure sulla base di quelle prove incontestabili, avrebbe comportato l’implicita assunzione da parte del potere giudiziario di un ruolo extra-giuridico, che avrebbe finito con lo screditare la gran parte delle forze politiche in un momento così cruciale della vita politica cittadina. Infine l’assoluzione degli imputati avrebbe implicato un distanziamento del potere giudiziario locale da quel nuovo orientamento che, da nord a sud, criminalizza sistematicamente il dissenso e i movimenti sociali nuovi e vecchi, organizzati e spontanei, frutto della crescente diffusione di nuove povertà e dei tagli alla spesa pubblica in materia di alloggi, sanità, lavoro e cura dei territori .

Crediamo che la sentenza di ieri sia estremamente preoccupante, non solo perché contraria alla realtà sensibile (quella che ognuno potrà presto vedere coi propri occhi sui social network), ma perché conferma il modo in cui la tendenza ad affrontare le questioni sociali per via penale sia ormai una pratica che caratterizza le istituzioni nel loro complesso e come ciò abbia fatto saltare, forse definitivamente, il principio di divisione dei poteri e i classici meccanismi di garanzia dei cittadini.

In questo quadro, la nostra fiducia nei confronti dell’autorità pubblica e delle istituzioni non può che abbassarsi ulteriormente e confermare la nostra determinazione a continuare il nostro impegno con le nostre tradizionali forme. La lotta continua perciò dentro e fuori i tribunali.

Irene e Sergio liberi subito!

Un chiarissimo commento di Pietro Saitta in merito

Un tempo si sarebbe detto che “la giustizia borghese non si fa”. 10 mesi per Sergio ai domiciliari, 6 per Irene. Straordinario se si considera che il PM aveva chiesto la decadenza di tutte le accuse, tranne quella di “resistenza psicologica”, e 4 mesi di reclusione (con carabinieri che testimoniano a favore degli imputati e video che dimostrano che non era accaduto pressoché nulla di quanto dichiarato). Tutti quelli in aula, insomma, davano per scontata la piena assoluzione e, invece, arriva questa mazzata. Un esito che, chiaramente, non ha nulla a che fare coi fatti, ma che svela tutta la rilevanza politica della vicenda. Ora e sempre, la lotta continua. Irene e Sergio liberi subito!

Bonus track o ghiottonerie:

Mentre riappare Luther Blissett, qualcuno sta lavorando ad un radioromanzo di Q. 

Cambiare Messina dal basso

“… l’emozione deve essere forte ogni attimo della nostra esistenza e dobbiamo cercare di cambiare il senso del fare politica …” (Renato Accorinti)

Image

Se mi avessero detto che avrei avuto la possibilità di avere un sindaco che mi rappresentasse pienamente, a Messina, non ci avrei creduto. Come qualche anno fa mi sarebbe sembrato impossibile che energie positive si riversassero nei vecchi luoghi bistrattati e abbandonati della città con azioni dal basso e ispirate a far rivivere la cultura nel torpore circostante.

Eppure il Teatro Pinelli c’è e resiste, ormai itinerante, eppure Renato Accorinti è candidato con una lista di tutto rispetto che fa tremare davvero vecchi e nuovi soggetti politici pronti a governare la città in forme vetuste o solo apparentemente nuove.

Renato è un uomo libero, ma non si spaccia per il nuovo de-ideologizzato di cui francamente non abbiamo bisogno. La sua candidatura è stata chiesta a gran voce dal basso, e lo sostengono persone di valore come poche.

Moltitudini percorrono la penisola scuotendola dall’asfissia imperante, è di oggi la notizia che a Bologna vince la scuola pubblica. Questa onda di cambiamento passa anche per Messina. Cambiare dal basso si può.

429968_10201140528104609_2096525340_n

Aspettando il vero boom

Sonia Alfano andava bene, l’avevamo scelta noi, anche se poi è finita col 2,44% e poi ha traslocato all’europarlamento con altra formazione, continuando lì le sue importantissime battaglie. Erano altri tempi, qualche anno fa, nessuno avrebbe scommesso su percentuali a due cifre, anche se si poteva sperare. Questa campagna elettorale è stata un’altra storia. Il momento è diverso, il sistema politico italiano sembra sempre più votato al suicido, ed in questo vuoto pneumatico gentilmente concesso dal ventennio berlusconiano ma anche dalle mosse degli altri partiti, compresi quelli “di sinistra”, Grillo trova ampi spazi in cui inserirsi vittorioso (davvero interessanti le prime riflessioni di Giuliano Santoro sul tema). Ha girato la Sicilia per due settimane, ripetendo spesso le stesse cose. In particolare mi ha colpito la contrapposizione tra la Sicilia ed il resto dell’Italia

L’Italia ha bisogno della Sicilia, ma la Sicilia non ha bisogno dell’Italia

Ha detto queste parole, in diverse città siciliane, col chiaro intento di raccogliere consensi nel modo più tradizionale e banale che si possa usare. Chissà cosa dirà in Veneto, o a Roma, ai prossimi comizi elettorali… della mafia non si è parlato molto, eppure quando si era ancora meetup a Messina molto si faceva su questo fronte.
Ora che hanno 15 parlamentari regionali, su 90, hanno detto che voteranno le proposte che saranno buone per i siciliani. Ma questo vuol dire tutto e niente. Con che criteri saranno valutate? Il supposto pragmatismo cela una chiara mancanza di programma politico, da loro tra l’altro rivendicata. Né di destra né di sinistra, dicono, ma ciò non vuol dire nulla, nel migliore dei casi (oppure vuol dire un po’ a destra). Che piaccia o no, fare scelte su fondi da assegnare, progetti da portare avanti, sostegni da dare o meno, significa prendere una posizione all’interno dell’asse destra-sinistra. A dispetto dell’ignoranza politica, da questo non si può sfuggire.
Siamo in una crisi economica che ci sta dilaniando, colpa del capitalismo sempre più attaccato e contemporaneamente sostenuto. Grillo attribuisce colpe a casaccio, non potendo riconoscere la presenza di conflitti di classe eppure evidenti (del resto, mi pare lui sia contro la patrimoniale, e ho detto tutto).
Ora Grillo punta a Roma e già ha bruciato tutti emanando aumm aumm le regole per candidarsi. Temo cosa accadrà, viste le voragini che si aprono sul contesto politico nazionale. Proprio mentre la crisi continua a dispiegare quasi sottotraccia le sue conseguenze e ci sarebbe un disperato bisogno di sinistra, l’Italia rischia di confermarsi laboratorio politico mondiale inventando un movimento apolitico che emerge tra le macerie destreggiandosi (non è un verbo a caso) tra vecchi e nuovi sistemi con una proposta politica che probabilmente confina col vuoto spinto.

Ad ogni modo, io l’ho già detto in giro, cerco volontari per rifondare il PCI. Possibilmente nelle strade, non sul web.

Credits:
Grazie a Giuliano Santoro, per le sue sempre lucide analisi, e ad Orientalista per il prezioso aiuto nelle lunghe chiacchierate che stimolano la riflessione.

Deliri combattivi

[Il punto è che non sapevo come riordinare le idee. Lo spunto mi è venuto da un discorso in un caro vecchio forum, luoghi quasi dimenticati, dove la discussione sembra impossibile come se da sempre esistessero solo facebook e twitter, luoghi dove approfondire è impossibile]

Ho fatto piacevolmente un paio di giorni coi mezzi pubblici. Ho visto una città migliore, con meno traffico, più pace, più tranquillità (mancavano semplicemente i clacson, ma l’inciviltà al volante è un’altra storia). A chi contesta che i trasporti pubblici sono insufficienti, rispondo e ho risposto che siamo noi a doverli pretendere, pre(te)nderli ed incentivarli.

***

Ancora non so inquadrare il movimento dei forconi in realtà. Ci sono diverse spinte, diversi attori e parecchi stanno osservando e/o agendo per dare colore e identità.

Mi trovo a Messina per sbrigare delle cose e dovrei aver subìto disagi in questi giorni. In realtà è da parecchio che ho dei disagi, e me li crea una società che mi impedisce di vivere. Che mi impone di godere e mi priva del piacere. Un sistema economico che ci sta distruggendo, e che per salvarci impone di ucciderci.

Leggo di indignazione riguardo certi esponenti del movimento, o semplici manifestanti. Ci sono manovratori politici? Pare ci siano metodi “mafiosi”, se non proprio personaggi mafiosi. Ne parla pure Striscia la notizia (che mi trovo costretta a guardare in queste sere…) e già la cosa mi allarma. Condanno con fermezza chi costringe altri a scioperare. Ma condanno non di meno i pazzi esaltati che hanno passato notti in macchina in fila dal benzinaio, come se ne avessero bisogno per vivere. Condanno la gente che ha fatto razzia di tutto nei supermercati neanche fosse una guerra nucleare. Sono cose che mi provocano orrore e raccapriccio.

E’ questa mentalità per cui “ognuno pensi a se stesso” che ci sta uccidendo. Ed è prettamente utilitarista, e capitalista, lasciatemelo dire. Non è innata ma ce l’hanno inculcata a forza. E’ la mentalità che ci fa dire che i disagi non li devono creare a noi. Ma secondo voi, se non si prova a far conoscere le ragioni di una protesta a più gente possibile, in tutti i modi possibili, come si pensa di riuscire ad ottenere qualcosa? Non è forse lo stesso che salire su una gru od occupare dei locali? O forse non vogliamo vedere per paura di essere contagiati, immedesimarci e magari cominciare a pensare. In effetti anche noi stiamo male. Abbiamo un sacco di problemi, spese, mutui, famiglie da mantenere, e il lavoro non c’è, se ne va, in altri casi non basta. Perché sempre più spesso non basta lavorare 12 ore al giorno e massacrarsi, quando poi arriva una bolletta e non ci sono più soldi.

E allora, perché non ci siamo noi di fianco a loro a protestare, visto che siamo tutti sulla stessa barca, perché tutte le lotte sono la stessa lotta (cit.), perché ad esempio  il governo cancella l’ISEE e chi non si può permettere cure e farmaci potrà crepare liberamente*, così ci saranno meno bocche da sfamare prossimamente? Perché non ci ribelliiamo al fatto che stiamo pagando tutti per mantenere un sistema che ci vogliono far credere eterno ma che dimostra ogni giorno di più la sua fragilità e la sua complicità nell’averci resi schiavi?

 

 

* Ho attribuito erroneamente la storia delle esenzioni ISEE al governo. Mea culpa, non ho verificato prima di postare. In realtà è un recentissimo provvedimento del governo regionale siciliano, leggo in rete per adeguarsi alle altre regioni. Il sistema ISEE è stato considerato troppo difficile da monitorare, e allora vengono istituite liste di esenzione che saranno disponibili dai medici di famiglia e dai pediatri. Il nuovo sistema è in vigore da sabato, nel frattempo c’è un regime transitorio, fino al 30 aprile, tramite autocertificazione per chi ritiene di essere esente. Ma i medici per primi non sanno bene come muoversi e tra dottori e farmacisti c’è un po’ di confusione. Sull’autocertificazione in Italia dovrei scrivere un post a parte.