La macchina del vento

La macchina del ventoLa macchina del vento è ambientato durante il Ventennio, prima e nel corso della seconda guerra mondiale e quindi parla di un passato che si avverte a noi vicino, ancora vivo, e racconta quegli anni da un punto di vista forse laterale ma nondimeno interessante: i confinati di Ventotene, prigionieri politici di diversi orientamenti, a semplice dimostrazione dell’eterogeneità della società italiana antifascista, nonostante il fascismo. Il romanzo è ovviamente finzione, ma è accurato nei dettagli e nel riquadro generale, e “nonostante” richiami mitologici e fantastici ben inseriti nella trama la cornice storica risulta pregevole. La macchina del vento parla anche del presente; più volte durante la lettura il racconto del passato riecheggia il nostro presente, a ricordarci che la storia non si archivia ma va sempre tenuta viva, ed è vivissimo in alcuni tratti il fascismo, seppure l’esperienza del fascismo non possa naturalmente riproporsi tal quale oggi. Il tempo è chiave di lettura e contemporaneamente protagonista del romanzo, e dopo passato e presente incontriamo il futuro, quello immaginato/che si affaccia sul racconto e quello che attende noi. Nella brace le ceneri non sono mai completamente spente e improvvisamente si rianima il fuoco, alimentando una resistenza sopita ma mai spenta del tutto: lo scopre Pertini trovando i vecchi compagni a Savona in occasione della breve visita alla madre, e lo scopriamo noi con lui speranzosi, perché così possiamo ricordare che la lotta può e deve continuare. I confinati non sono stati semplici vittime del regime (non hanno neanche fatto la villeggiatura, ed è bene ricordarlo di questi tempi) ma hanno rappresentato anche elementi necessari della Resistenza, che forse si dovrebbe pure raccontare.

(noi siamo storie)

(siamo ricordi tramandati)

si legge nelle ultime pagine del libro, e le storie sono necessarie, anche loro. E di storie come questa ne abbiamo bisogno.

Itajani

Alle nostre latitudini si è passati dall’antifascismo inscritto nella Costituzione al fascismo attraverso anni di sottovalutazioni e cecità intermittente. Se il presidente del parlamento europeo Tajani sfida il buon senso ripetendo la fesseria su Mussolini che avrebbe fatto “anche cose buone” la vergogna da parte italiana è quasi assente. Nelle sedi europee si chiedono le sue dimissioni, qua latita qualunque dibattito serio: un non problema. Nel frattempo dall’altra parte del mondo qualcuno ci riporta alla cruda realtà, in Nuova Zelanda un terrorista che ha sparato in due moschee con un bilancio di 49 vittime ha nel suo personalissimo pantheon il terrorista Breivik e anche il terrorista Traini. Non sono folli, sono fascisti e per anni chi ha osato sollevare il problema è stato sbeffeggiato, roba da Novecento, antiquariato politico… e invece la destra più retriva sta tornando potente, grazie alla subalternità in cui si è trincerata la socialdemocrazia e da ultimo grazie al capitale che non disdegna alcun mezzo per garantire la propria sopravvivenza. Da noi Traini si è cercato di farlo passare per un folle, si è minimizzato il suo essere seguace di Salvini, vicino a Casapoound [un errore di battitura che lascio volentieri]; ultimamente i media nella loro opera di umanizzazione e celamento hanno parlato di un suo “pentimento”. La Repubblica, inspiegabilmente il quotidiano online più letto, non lo aveva mai definito terrorista, solo dalla Nuova Zelanda ha avuto la folgorazione: “avevano bisogno che glielo ricordassero dall’altro lato del globo” (cit. Piero Lo Monaco). Salvini mette le mani avanti dicendo di provare “compassione” per quelli che danno sempre la colpa a lui: fermo restando che dubito comprenda origine e significato dell’espressione, gli chiederei di rilassarsi, ché non è lui l’origine di tutti i mali. Ma se è vero l’adagio popolare “gallina che canta ha fatto l’uovo”, non è meno grave dato il suo ruolo istituzionale la sua complicità nell’alimentare un clima sociale e politico che incoraggia i terroristi neri, una minaccia non nuova nel nostro paese, ma che speravamo di relegare in un ormai lontano passato. Se non si fanno i conti con la storia però questa presenta il suo di conto.

Un esempio triste, se si chiede ai giovani quali furono i responsabili della strage di Bologna molti rispondono le Br o gli anarchici, dimostrando quanto sopra.

Dal fondo del baratro

Fermo restando che ognuno è libero di illudersi ed ingannarsi come preferisce, le scelte politiche di qualunque tipo si situano all’interno di un’asse destra-sinistra, nel quale destra è (vado con l’accetta) in sintesi l’attenzione ai pochi e già privilegiati e sinistra è al contrario riguardo e tutele verso i più deboli, gli ultimi. Un governo si può collocare lungo questo asse in base alle politiche che sceglie di adottare, anche ciò di cui non si occupa può costituire un indicatore, così come lo è il modo di approcciarsi a qualsiasi questione. Nel mio ultimo post ho sostenuto che ci troviamo di fronte ad un governo pienamente razzista. Confermo e rilancio: si tratta di un governo di estrema destra. Dentro di me non c’è alcun dubbio, è un dato di fatto, ma ieri sera ascoltando la rassegna internazionale su Rainews sono quasi sobbalzata quando Al Jazeera parlando del governo italiano lo ha definito con testuali parole “di estrema destra”. Ovvio, no? I media internazionali di qualsiasi colore definiscono tale il governo italiano, pacificamente, mentre da noi si sta in una bolla di irrealtà in cui un governo autoproclamatosi del popolo combatte quotidianamente contro i poteri forti per fare gli interessi della nazione; della nazione, perché il popolo è davvero un’altra cosa. Uno dei temi fondamentali in cui c’è accordo nel governo, al netto delle foglie di Fico buone per i benpensanti che credono di stare vivendo nel (quasi) migliore dei governi possibili, è quello dei confini, della difesa dello stato nazione, un argomento che potrebbe essere vintage ormai ma che in tempi di ristrettezze ha dimostrato un rinnovato fascino a livello internazionale. E mai nella storia i confini hanno aiutato i più deboli, come ricorda Giuliano Santoro presentando Jacobin Italia a Fahrenheit su Radio 3 proprio oggi; un tristissimo ripiegamento nelle proprie miserie che viene giustamente spernacchiato dai miseri governi “amici” in Europa, ovviamente di estrema destra anch’essi: Orbàn e Kurz proprio oggi chiedono, in riferimento alla manovra italiana, austerità e rispetto delle norme europee! Una manovra che potrebbe essere condivisibile in principio riguardo il superamento dei parametri europei, economicamente e politicamente senza senso, ma che da sinistra non può essere assolutamente difesa perché non ha nulla nell’interesse dei più deboli. Disclaimer: chiunque voglia obiettare su quello che chiamano erroneamente, e sicuramente qualcuno in malafede, reddito di cittadinanza e che invece è una bieca misura di workfare, anche in Germania ormai respinta dai più, vada a studiare prima di parlare a vanvera; oppure aspetti la concreta attuazione di questa ridicola misura, e piange bene chi piange per ultimo. Leggi ne sono state fatte davvero poche, ma è sufficiente una lettura al decreto sicurezza per poter controfirmare senza tema di smentita che a scriverlo è stato un governo di estrema destra. Se devo poi parlare di quelli del cambiamento, una parola che in sé non vuol dire nulla e che nell’aggettivo climatico suona come la più grave minaccia globale bellamente ignorata da tutto l’arco parlamentare (e oltre) – almeno nel resto del mondo se ne parla anche se a fberlusca-baratro-italia-color1atti siamo comunque scarsi – una volta elogiavano la trasparenza e sono finiti come segue. La sindaca di Torino, che a differenza di Virginia Raggi non è stata costantemente sotto l’attenzione del sistema mediatico, ha annunciato una diretta streaming non per un consiglio comunale ma per lo sgombero di un campo rom. Una cosa talmente raccapricciante che dovrebbe far inorridire chiunque abbia un minimo di empatia e invece…

E invece viviamo nel paese che si indigna per dei senzatetto che nel momento in cui arriva il freddo, quello duro, cercano riparo e calore negli ospedali. E no, non si indignano per la scarsa accoglienza o per la mancanza di alternative a questi sventurati. Scrivo dal baratro, non dal suo orlo ma proprio dalle profondità, e la luce lassù si fa sempre meno visibile. Sono tornati gli anni Venti, in questo secolo ancora prima, e siamo ancor meno preparati di allora. 

 

 

PS fuori tema. Nei giorni scorsi ho letto un bellissimo post sulla punteggiatura che mi ha spinto a fare attenzione all’uso del punto e virgola, che tra l’altro mi è congeniale visto il mio esagerato utilizzo di incisi e periodi lunghi. Approfitto di questo post per condividerlo con chiunque sia interessato, e fateci caso, c’è qualche punto e virgola qui sopra.

La gente

la-gente-20261390276755.jpg

Copertina del libro, edito da minimum fax

Il libro di Leonardo Bianchi è un viaggio drammaticamente accurato, a tratti desolante ma necessario, nell’Italia di oggi e sicuramente ci aiuta a capire come siamo arrivati a questo punto, a un passo dal governo penta-leghista. Si parte dalla nascita del mito della Casta, con l’uscita del libro dei giornalisti Rizzo e Stella, che ha superato nelle conseguenze le intenzioni degli autori, generando anche un filone di testi dedicati alle mille caste del nostro paese, e si passa per il “più improbabile movimento di protesta dell’Italia repubblicana” il #9dicembre, tra forconi e figuri destri che falliscono l’appuntamento con la rivoluzione (!)… ve li ricordate quando dovevano circondare il parlamento e forse con la forza del pensiero, boh, mandare tutti a casa? Si prosegue e dalla guerra alla casta si passa al cittadino indignato che si voleva prendere le periferie romane, a quello di Gorino, il paese più assurdamente nimby d’Italia, che ha alzato le barricate pur di non accogliere 12 donne, di cui una incinta, e tristemente ci è riuscito, fino a Stacchio che suo malgrado è assurto ad eroe della gente, tirato per la giacchetta anche da quelli che forse, se gli conviene, ci vorrebbero governare subito, aspiranti a creare un novello Far West. Si arriva alla crociata contro la fantomatica “ideologia gender“, una pantomima che solo da noi poteva avere un seguito così, così, come posso dire? In piedi? Del resto nel Belpaese anche le teorie del complotto sono diffusissime e ce n’è per tutti i gusti. L’analisi di questi fenomeni, la vista delle numerose pagine fasciste, il proliferare ed il successo di siti che diffondono bufale prevalentemente razziste solo per raccogliere click e guadagnarci, a me sembrano la conferma della correlazione tra fascismo e stupidità. Il libro verso la fine si occupa anche del triste caso della campagna per il Sì al referendum, quella della solenne batosta presa da Renzi (ogni tanto una gioia). Batosta presa nonostante l’occupazione militare e la conseguente trasformazione di diverse pagine “buongiorniste”. Renzi prima e dopo il referendum si è buttato sul gentismo, anzi a ben vedere la sua figura racchiude diversi tratti della specie sin dalla sua comparsa sulle scene nazionali. In sintesi, c’è una galassia di minchiate che quotidianamente domina lo spazio web, in larga misura Facebook, e questo nella vita “reale” ha spiacevoli conseguenze, da ultimo l’ascesa dei Salvini e dei Di Maio che non a caso vivono, soprattutto il primo, nelle dirette sul social. Finché uno varrà zero e la gente trionferà, viene da pensare.

screenshot_2018-05-30-19-03-241431035301.jpg
La gente commenta uno sbarco di migranti a Messina, schermata fotografata ieri.

Tutto si tiene

Son passati praticamente undici anni dai “fatti di Genova” e ancora non abbiamo capito niente. Venerdì è uscito nelle sale Diaz, e neanche a dirlo sono andata a vederlo, uscendo con una ricarica di rabbia che dovrebbe essere il motore che muove ognuno di noi ogni giorno. Sul film in sé, mi sento di condividere la recensione di Militant, un po’ meno quella di Scurati sulla Stampa… perché una proiezione non potrà mai sanare le ferite di quei giorni. E non solo perché, come ovvio, i colpevoli non hanno pagato e sono ancora lì, dagli esecutori ai manovratori, ma soprattutto per un semplice motivo: quella era una guerra che qualcuno provò a combattere e fu annichilito, mentre dal lato opposto hanno continuato a combattere e di questi tempi ci stanno sferrando attacchi micidiali. No, non parlo delle forze di polizia, ma del sistema economico che, dovrebbe essere evidente, ci sta strangolando ogni giorno di più. Siamo stretti in una morsa, e anche se qualcuno sta finalmente aprendo gli occhi, ancora non è chiaro probabilmente a nessuno di noi il quadro generale.

Oggi si parla di un suicidio al giorno tra i disoccupati per colpa della crisi e questa è una pessima notizia innanzitutto dal punto di vista umano ma non solo. Infatti è indice di uno smarrimento e di una mancanza di senso di comunità, di capacità di aggregarsi e far fronte ai problemi collettivamente. E’ una colpa evidentemente della sinistra, o di quel che ne rimane.

Quelle persone, prima a Seattle poi a Genova, avevano ragione, eppure ancora oggi si farnetica di soluzioni che sono parte del problema, mentre un influente economista in un triste articolo sul Corriere riesce a parlare degli Stati Uniti come del paese che anche se ha un sistema individualistico è comunque “uno stato che protegge solo i più deboli” cancellando diverse realtà tra cui la miseria crescente non solo in quel paese ma anche nell’Europa, supposta icona di un modello di stato sociale che è in corso di smantellamento ormai da decenni. Ma non deve temere Alesina, siamo noi ad andare verso il modello americano, non il contrario.

Nel frattempo stamattina la stampa internazionale ha seguito in diretta la testimonianza di Breivik davanti ai giudici in Norvegia. E non è vero che non c’entra nulla, perché le radici dei mali che ci affliggono sono impiantate anche in quei discorsi deliranti sulla difesa della propria comunità contro le altre viste come nemiche ed estranee. Non voglio neanche andare a vedere cosa dicono i nostri giornali, a parte qualche sintesi messa chissà dove. Sono troppo impegnati ad occuparsi DEL problema, ovvero la fuffa del finanziamento pubblico ai partiti, come se tolti i soldi ai partiti questi governeranno con un rinnovato senso dell’etica. Una sintesi efficace della questione l’ha fatta Luca Faenzi su twitter:

Buffo contestare il governo delle banche e nello stesso tempo il finanziamento pubblico ai partiti. Chi credete che li finanzierebbe, dopo?

Ecco, c’è altro da dire? L’altro giorno qualcuno mi ha chiesto che vorrei fare da grande (sorvolando sul fatto che vado per i 28, già). La mia risposta? “Mi piacerebbe far emergere la coscienza di classe in ogni persona”. Per chiudere pensavo di postare il video dei 99 Posse con Caparezza “Tarantelle pe’ campa’”, ma in effetti è più in linea con questo delirio un’altra canzone:

Dopodomani, sicuramente

C’è parecchia carne al fuoco, in questi giorni da canzone del maggio. Eppure stiamo a casa e non in strada. In Spagna si improvvisa una rivoluzione (o ci si prova, certo non lo si può sapere ora) e seguendo l’hashtag #spanishrevolution su twitter ci si può fare una prima idea. Ora pare ci stiano tirando dentro. Infatti è uscito l’hashtag #italianrevolution ma se ci si fa caso, la maggior parte dei messaggi non sono in italiano. Siamo diventati cittadini del mondo o ci invocano da fuori? Comunque qualcosa par che si muova. Ho letto di un appuntamento a Milano domani per chiedere la democrazia ora (gli risponderanno che sarebbero dovuti andare ieri, cioè oggi?) Insomma intanto ci inventiamo il brand e poi ci si organizza.Per quotare direttamente @bidimensionale:

differenze tra l’Italia e la Spagna: in Spagna prima la protesta poi l’hashtag, in Italia prima l’hashtag poi tutto come prima.

Inoltre c’è questo post su Anonymous.

Esagero? No, sono solo un po’ disillusa e provo a scherzarci su. Le amministrative sono state una bella sorpresa in generale, e hanno fornito ottimi spunti per riflettere sulle forze politiche. Per riprendere il discorso dell’ultimo post, ho continuato a leggere e discutere sul grillismo, da ex-grillina. Fondamentale, secondo me, l’analisi di Wu Ming 1 con tutti gli annessi e link.

La prima argomentazione e la più necessaria è secondo me quella sulla presunta uguaglianza di destra e sinistra. Semplicemente una supercazzola, ma che fa grande presa quando i cosiddetti rappresentanti della cosiddetta sinistra (ma anche destra) si dimostrano lontani anni luce dagli ideali che dovrebbero rappresentare. Risveglio delle coscienze, rinnovato interesse per la politica, voglia di impegnarsi sul territorio sono tutti aspetti positivi che sicuramente i meetup hanno avuto. Ma dopo viene un movimento politico che vuole entrare nelle stanze del potere senza alcun apparente ideale, mentre non basta essere gggiovani e puliti per far bene. Soprattutto far bene cosa? Occorrono scelte di campo, perché anche in un comune ci sono servizi pubblici (che coinvolgono direttamente i cittadini) e ci sono scelte da fare e non esistono scelte neutre. Sarebbe come dire che la Moratti e Pisapia sono uguali… un comico italiano ci ha provato in Francia di fronte ad una platea di italiani, e constatati i malumori della folla ha quasi rettificato, perché il suo interesse è raccogliere consensi, vendersi come prodotto. Ovviamente non vi dico chi sia il comico, non è necessario. Credo che gli elettori del M5s a Milano siano più maturi del loro – unico e vero – leader e sapranno cosa scegliere. So del resto che molti dei ragazzi impegnati in questo movimento lo fanno in buona fede e probabilmente non sanno tante cose e tra queste quali conseguenze potrebbe portare l’ascesa politica di un movimento qualunquista, populista e con tratti xenofobi. La pancia di molti italiani è ben coltivata da decenni, è vero, e Grillo non è estraneo a questa operazione. Purtroppo ci saranno alcuni fedelissimi fidelizzati che si ostineranno ad osannare il guru e a non vedere errori e possibili orrori, perché quel lento lavorio alla pancia in gran parte ha funzionato egregiamente, ma ci saranno molti altri che di fronte alla crisi economica, allo scoppio del precariato, al riesplodere del conflitto di classe che riemerge drammaticamente e che presto sarà ancora più evidente di oggi capiranno che le lotte da fare non sono semplicemente sulle fedine penali, ma sull’idea di società (e civiltà*) che vorremmo costruire nel futuro.

* Civiltà perché condivido quanto affermato da Gallino in “Finanzcapitalismo” – che sto leggendo – secondo cui quella che stiamo attraversando non è solo una crisi economica (che tra l’altro potrebbe durare per un altro decennio) ma più profondamente una crisi di civiltà.

Ps. bonus track, della cara Nadia, che tautogrammaticamente mi ha risposto sul forum.

Ps2. My two cents sulla manifestazione no ponte del 14 maggio. L’indicazione della rete era di non portare bandiere per coinvolgere senza distinzioni partitiche. Fail, le bandiere qualcuno contrario alla linea (oppure fedele alla linea, dipende dai punti di vista, c’era pure una bandiera dell’URSS, molto simpatica) le ha portate comunque, e i numeri della manifestazione secondo me sono stati deludenti. Che forse il “né di destra né di sinistra” non paga neanche in una città come Messina?