Venti di guerra

Soffiano minacciosi questi venti. Parlano di una guerra più pericolosa di quelle a cui i nostri tempi ci hanno abituato, perché su larga scala, diretta tra le superpotenze. Chi vuole sa che non sono mai mancate le guerre, ci sono decine di conflitti in giro per il mondo ma apparentemente non ci riguardano, sembrano tanti casi isolati e restando nella nostra bolla ci convinciamo che dal ’45 le Nazioni Unite e poi il progetto europeo ci hanno liberato dal conflitto. Non è così, ovviamente, ma i venti che spirano in questi giorni sono particolarmente preoccupanti, perché il rischio è uno scontro diretto tra USA e Russia, con il casus belli siriano pronto alla bisogna. Ciò non è dovuto tanto o  solo alla presenza di soggetti come Trump, che rendono più simile ad un degno statista persino un Bush, c’è uno scenario internazionale, politico ed economico, con ampi rimandi agli anni Trenta del Novecento. La crisi del ’29 fu terribile e niente riuscì a domarla, fino a quando una guerra, devastante come mai fino ad allora, “salvò” il sistema. Pagammo un prezzo altissimo e già ce ne dimentichiamo. Molti paragona(va)no la crisi del 2008, per la sua portata e pervasività, a quella del 1929. Lentamente, col passare degli anni, si è tornati a dire invece che la crisi ce l’abbiamo alle spalle. Sono passati dieci anni, ma non è davvero finita, la ripresa se c’è stata è risultata molto debole. (Michael Roberts da anni parla di long depression)

SyriaIl capitale freme, è impaziente: l’industria bellica, in primis quella statunitense, non si accontenta più delle briciole dei tanti conflitti locali. Trump ha provato a darle risposte giocando alla guerra con Ping Pong (cit.) e per fortuna da quella parte il pericolo è rientrato. Nel frattempo gioca a fare le guerre commerciali istituendo dazi, complicando ancora di più lo stato della cosiddetta globalizzazione, che per chi non lo sapesse arranca già da un po’ (qui e qui per fare due esempi).

Intanto con la scusa delle armi chimiche la situazione in Siria rischia di precipitare, e non si tratterebbe di un nuovo Iraq, c’è in gioco molto, molto di più. Su Internazionale una sintesi, proprio in pillole, del conflitto siriano. Mi riprometto da un po’ invece, e DEVO farlo, di leggere il libro di chi è andato in Siria, a combattere l’Isis, e ci ha fatto dono della sua esperienza.