The drop – Chi è senza colpa

Dennis Lehane è una garanzia. Quando avrò guardato anche Gone baby gone e letto L’isola della paura (mea culpa, del primo ho letto solo il libro, del secondo ho visto solo il film), dovrò aspettare nuove uscite e lo farò in trepidante attesa.

the drop

Ho colmato le ultime (quasi!) lacune leggendo Chi è senza colpa (The Drop) e guardando il film, che al contrario del solito è precedente al libro:  infatti la pellicola è basata sul racconto breve Animal rescue e il romanzo invece segue la sceneggiatura scritta dallo stesso Lehane per l’adattamento cinematografico del primo. Il romanzo stesso non è molto lungo e si legge d’un fiato come in genere capita coi suoi libri. L’atmosfera noir è perfetta e l’ambientazione ci introduce subito nel mondo sotterraneo in cui malaffare e criminalità organizzata regnano. Protagonista è il poliedrico Tom Hardy (Bob), che personalmente amo dalla sua interpretazione di Alfie Solomon in Peaky Blinders (un giorno dovrò trovare le parole per questa serie) accompagnato da un ottimo James Gandolfini nella sua ultima, purtroppo, apparizione sulla scena. Quest’ultimo è Marv, non più proprietario del bar in cui col cugino Bob lavora, scalzato dalla mafia cecena da cui suo malgrado ormai dipende. Il bar in sé è uno dei tanti “parcheggi” (“drop”) dei soldi sporchi, designati di volta in volta dai capi per non essere scoperti. Una rapina che non si doveva fare al Cousin Marv’s dà innesco alla vicenda, insieme al ritrovamento di un cucciolo maltrattato di pitbull  da parte di Bob; Bob che è taciturno, va sempre in chiesa ma non prende mai la comunione e apparentemente ha un carattere mite e accomodante, rasentando un’educazione di altri tempi.

“Una volta” disse “quando doveva telefonare in pubblico, la gente entrava in uan cabina e si chiudeva dietro la porta. O parlava sottovoce. Adesso, invece? La gente parla, che ne so, dei suoi movimenti di pancia in diretta, mentre li sta avendo in un bagno pubblico. Non capisco”. (…) “Nessuno” disse Bob “ha più rispetto per la riservatezza. Ognuno vuole raccontarti ogni singola cazzata che gli succede. Scusami, mi dispiace. Non avrei dovuto dire quella parola davanti a una signora”.

Il titolo italiano allude all’assenza di innocenza di praticamente tutti i personaggi – eccetto il cane che in qualche modo rappresenta l’espiazione di Bob – e la storia ci conduce inesorabile verso questa rassegnata conclusione. L’esplorazione dell’animo umano fin dentro le sue oscurità è compiuta come al solito magistralmente. Nel film non c’è traccia di ostentazione e scene forzate, ma una angosciante banalità del male e silenzi che valgono più di mille scene d’azione e cruente. Leggere il libro e guardare il film sono un ottimo investimento di tempo. Ancora una volta Lehane è maestro del genere, nella doppia veste questa volta di sceneggiatore e scrittore.