Onde e riflussi

[Avrei ben altre cose importanti da scrivere, ma sento un’urgenza da un po’…]

ImageLo Tsunami Tour è sbarcato a Messina ieri, un entusiasta neofascista commenta così:

Oggi mi sono scialato ascoltare Beppe in piazza Cairoli finalmente mi ha convinto non avevo dubbi ha semplicemente detto tutto quello che io di Destra ho sempre detto da quando sono nato. Con questo non voglio dire che lui sia dalla mia parte ma quanto meno noi non facciamo parte di quei partiti da lui menzionati che con il tira e molla si sono rosicchiati l’intero stivale. Quando ha citato Gargamella mi son sentito come un suggeritore da teatro ah ah mentre invece mi guardavo intorno io non suggerivo non fiatavo e lui a ruota libera tutta la verità nient’altro che la verità. SUPERLATIVO , IMMENSO ! Chi ha sbagliato deve pagare tutti a casaaaaaaa

A dimostrazione che il contenitore a 5 stelle è riempibile sempre a piacimento… del resto a Livorno Beppe riesce a dirsi antifascista mentre con i neri figuri di casapau chiacchiera amabilmente dicendo che si fanno le stesse battaglie. Ma non mi stupisce.

Ciò che mi perplime maggiormente è cosa sta diventando il movimento a livello locale, negando ad ogni pié sospinto di essere un partito, si incastra nei meccanismi del Non Statuto e riesce ad incartarsi come non mai. Conosco l’origine del meetup, ho contribuito considerandolo uno strumento originale di partecipazione e ho anche fatto una campagna elettorale perdente anni fa. Non era il momento. Oggi può esserlo, e a questo si sacrificano i fini. Perché sono sicura che molti ragazzi del movimento a Messina vogliono votare Renato Accorinti come candidato sindaco, la sua presenza è la migliore notizia che abbia mai sentito riguardo il governo cittadino, eppure non possono perché Renato naturalmente non ha alcuna intenzione di prendere la non-tessera del non-partito. Non sarebbe lui se lo facesse. E qui emergono le contraddizioni, perché il movimento doveva essere un mezzo, non il fine. Forse neanche i baracconi-partito della cosiddetta Prima Repubblica sono riusciti a partorire simili mostri illogici… alla faccia delle critiche alla vecchia politica. Vorrei che le buone energie che hanno investito anni nel movimento non le buttassero via, non hanno ovviamente sprecato tempo, ma questa potrebbe essere l’occasione per cambiare rotta, e cercare altre vie, perché ormai sono sicura, il M5S è già vecchio e per di più pericoloso, ci sono mille modi di fare politica e partecipazione in maniera efficace, Beppe non ha inventato nulla. Se non bastano l’antifascismo e l’antirazzismo come discriminanti per rifiutare il M5S, a Messina c’è una figura che oltre a racchiudere in sé quelle qualità – indispensabili, a mio avviso – risponde anche alle richieste di una nuova politica, dal basso. E non si chiama Beppe.

Annunci

2 pensieri su “Onde e riflussi

  1. nasosecco ha detto:

    Grazie per questo pezzo!
    A sentire i nuovi esegeti del M5S la Sicilia è la prova di quanto Grillo rappresenti il nuovo, di quanto sia pragmatico e coerente…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...