Paura?

Hanno paura, leggevo ieri, e sto iniziando a crederci. Mentre si discute della vittoria o della sconfitta di Berlusconi, come se fosse sempre il nostro nemico, io penso che la politica tutta ha perso, dentro il palazzo. Asserragliati, chiusi, nascosti, barricati perché devono farsi i fatti loro. Beghe di palazzo. E fuori c’è la guerra, o meglio la guerriglia. Quella che ci vuole. Quella che non è violenza, ma esasperazione. Quella che dovremmo stupirci perché ancora non è scoppiata.

Mi frega poco se il “fuggiasco Berlusconi” ha vinto di pochi voti. Ieri mi sono fatta il sangue amaro, è vero, ma cosa sarebbe  cambiato? Davvero, quanto conta la caduta di un governo, mentre crolla tutto il paese? Le buone notizie arrivano comunque. Hanno fatto la zona rossa, come a Genova, hanno caricato e hanno respinto, la tensione è alle stelle, e stiamo in Italia, il paese che le rivoluzioni, da parecchio, le sta a guardare. Eppure qualcosa si muove, per la gioia di Galileo. Io sto con i Book Bloc, con gli studenti, gli operai, gli incazzati e gli antagonisti, come li chiamano.

Spero solo che non sia un fuoco fatuo, spero che non ci si fermi, ma che si vada avanti, “un minuto più di voi”, come hanno detto:

A Bologna, qualche notte fa, le statue sono tornate a parlare. Lo avevano già fatto in una notte del 2001, ma stavolta non si limitano a dire: “Tutti a Genova!”. Stavolta enunciano un proposito che va oltre la scadenza: “Resisteremo un minuto più di voi”.
Un minuto in più. E’ il tempo sufficiente. Ma per vivere quel minuto servono determinazione, amore e astuzia.
E prima, durante e dopo quel minuto, non dimentichiamo mai l’esigenza, la consegna, l’imperativo, la prassi fondativa primaria: collegare le lotte, perché sono tutte una lotta sola. (dal post di Giap citato su)

Insomma, io non ho paura, loro si. E’ già un inizio.

 

Edit, appena letto da Carmilla

Oggi la capitale, domani il capitale

 

Annunci

3 thoughts on “Paura?

  1. Giz ha detto:

    Ma la guerra civile sta per scoppiare, Silvio sta facendo di tutto per tirare la corda e spezzarla, dopo aver trasformato la politica italiana da “gestione della polis” ad “avanspettacolo calcistico”, dove le tifoserie opposte seguono o vanno contro i partiti per fede, senza sforzarsi di capire i contenuti.

    E non è che non conti la caduta del governo, è che gli italiani pecoroni sceglieranno, dopo questo governo, ancora una volta, di farsi comandare da chi sarà più suadente e bugiardo. Pensare è faticoso e rende realisti, quindi tristi, meglio che vada tutto a rotoli con i sorrisi ottimistici a 32 denti.

    • Io spero che stia per scoppiare sta benedetta guerra civile =)
      Per quanto riguarda la caduta del governo, e` proprio quello il problema. Silvio e` un pupo, il peggiore per carita`, ma non e` che ci attendono anni rosei dopo la sua dipartita (che deve avvenire prima o poi, mica sono tutti Andreotti!!!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...