News from Bunga bunga Republic

Scusate, so’ sparita… non che qualcuno sentisse la mia mancanza…

Ad ogni modo è tutto ok, m’è mancata la voglia e il tempo di scrivere e si sa come dice l’antica saggezza, meglio tacere e lasciare il dubbio di essere stupidi che parlare…

Che dire? Non vorrei tediarvi con i bunga bunga, anche se la situazione è tragica (ma non seria), siamo solamente sull’orlo del solito abisso, ci vorrebbe solo una bella spintarella (bunga bunga?)

Ma cos’è sto bunga bunga? Essendo me ignorante me lo sono andata a cercare, ed ecco il magnifico risultato:

Savagely brutal anal gang-rape. Fabled punishment for trespassing on the tribal land of a fictitious African tribe.

Ho selezionato la terza definizione, che mi sembra la più significativa, su urbandictionary, anche se la prima (la più recente, mi pare evochi meglio la posizione (fisica?) dell’Italia oggi:

Erotic ritual which involves a powerful leader and several naked women.

Pare che ‘several naked wome’ sia uno slang per indicare il popolo italiano…

Ad ogni modo, pare che pure Mubarak voglia le scuse del nostro (vostro? Mostro!)

Resto perplessa.. e leggo in giro che forse, FORSE, questo caso stia davvero suscitando indignazione in giro per il paese… Lo capisco, come no, cosa volete che siano anni di corruzione, regime, imbrogli, bugie, ricatti, malaffare, sporcizia economica e istituzionale di fronte ad un bunga bunga? Ma poi che ci indignamo a fare? Sto cominciando a pensare che mentre il mondo sta andando in frantumi, e noi non riusciamo a galleggiare, forse la nostra posizione è la più comoda, di fronte a quello che ci aspetta a breve…

Sapete, la nostra economia ha dei risultati da far paura, nel senso che siamo penultimi, davanti solo ad Haiti ma in realtà la crescita del Pil è un dato molto parziale, e molto equivoco se si vuole. Stiamo male, è vero, non stiamo messi bene, rispetto alla configurazione attuale del sistema economico. Ma se davvero il crack che ancora non è arrivato sul serio arriverà, forse saranno più avvantaggiati i paesi che hanno corso di meno verso il baratro. Non trovate? Mentre ci si trastulla con tante belle parole verdi e sostenibili, qua di sostenibile c’è poco più dell’aria, e la vera sostenibilità è un gigante freno a mano che dovremo tirare tutti insieme. Ci schianteremo lo stesso, a questo punto, ma l’impatto sarà meno brutale.

Annunci

2 pensieri su “News from Bunga bunga Republic

  1. Giz ha detto:

    Queste classifiche del PIL lasciano il tempo che trovano, oramai non interessano più a nessuno, a parte forse i ministri dell’ambiente e associazioni criminali come WTO o WB; ma in una tale graduatoria l’Italia è ultima non perché sia andata di meno “verso il baratro” rispetto agli altri paesi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...