testi x questa notte folle

Artista: Marlene Kuntz
Album: Che Cosa Vedi
Titolo: La Canzone Che Scrivo Per Te

Non c’è contatto di mucosa con mucosa

eppur mi infetto di te,

che arrivi e porti desideri e capogiri

in versi appassionati e indirizzati a me;

e porgi in dono la tua essenza misteriosa,

che fu un brillio fugace qualche notte fa;

e fanno presto a farsi vivi i miei sospiri

che alle pareti vanno a dire "ti vorrei qua".

Questa è la canzone che scrivo per te:

l’ho promessa ed eccola.

Riesci a scorgerti? Sì che ci sei,

prima che ti conoscessi.

(Ora ho il tuo splendido sorriso da succhiare:

sfavilla di felicità.

L’osservo su dalla tua fronte vanitosa

che ai miei baci ha chiesto la priorità)

Pure frigid waters from these eyes that always miss you

Nothing but violence from my empty gun

I’m using silver to light up these blackheart faces

blinding your fingers with my skin that burns for you

Questa è la canzone che scrivo per te:

l’ho promessa ed eccola.

Riesci a scorgerti? Sì che ci sei,

proprio mentre ti conosco.

This song is for me

I listen like I promised you

I can see me in your words from hell

that you write for me

E ho le tue mani da lasciarmi accarezzare il cuore

immune da difese che non servono.

Ma ora ho in testa il viso di qualcuno più speciale di me,

che sa cantare ma ha più stemmi da lustrare di me…e questo è il tuo svago.

Per quel che mi riguarda sei un continente obliato.

Per quel che ho visto in fondo mi è piaciuto.

Don’t, don’t tell me. What you want from me

No, don’t tell me. I don’t wanna hear. Don’t tell me

Questa è la canzone che scrivo per te:

l’ho promessa ed eccola.

Riesci a scorgerti? Non ci sei più,

dopo che ti ho conosciuta

 
——————————–
Vallanzaska Cheope

Non distinguo le cose più banali

Voglio gli occhiali, voglio gli occhiali,

Io non vedo ad un palmo dal mio naso

Io vado a caso, si, io vado a caso!

Non distinguo le risa dai lamenti

Voglio le lentiiiiiiii!

Trovar le cose per me è un storia dura

La montatura

Vorrei vedere le piramidi di Cheope

ma sono miope, ma sono miope!

Sembra uguale la suora e la cubista

Dall’oculista, si! Dall’oculista

Ho pagato una siga lire 1000

le mie pupille, le mie pupille

M’hanno detto chi non rosica non risica

voglio una visita, fammi una visita

Sono inciampato su una zolla della Cirio

Voglio il collirio!

Vorrei vedere le piramidi di Cheope

ma sono miope, ma sono miope!

Mi hanno bocciato anche ‘sta volta alla patente

non hanno torto: non vedo niente!

Mi rifiutano anche di partire a razzo

non hanno torto: non vedo un cazzo

E tutti parlano del mio sguardo magico

non hanno torto: sono un po’ strabico

E poi confondo Berlusconi con il male

ma questa volta è proprio uguale!

Vorrei vedere le piramidi di Cheope

ma sono miope, ma sono miope!

nn distinguo la rava dalla fava…ma…sarà la dava?
————————————————–
Artista: Marlene Kuntz

Album: Catartica

Titolo: Canzone Di Domani

Ecco di nuovo la storia (la stessa): O.K.

scopo coi giorni a venire ma non vengo mai

volo in un mare di stelle che sono i miei guai

Della gravità non mi ricordo più

se non mi tiri giù tu in volo resterei

cercami di più e poi vedremo se

in due c’è più tempo per ridere o per piangere

Questa è la storia di me che non vengo mai

parla di me e di una serie di difficoltà

ridistribuite a una parte di società

Introducimi come piace a me

è proprio quello che a me non riesce di fare

Introducimi come non piace a te

è proprio quello che a te non riesce di fare

Hey, penso che quanto detto è vero

(rispetto massimo per me)

Hey, penso che quanto detto è raro

(rispetto massimo per me)

Hey, penso che quanto detto è puro

(rispetto massimo per me)
—————————————
Artista: Marlene Kuntz

Album: Il Vile

Titolo: 3 Di 3

Che cosa importa se non ci credi che ti può piacere

Cosa comporta considerare se è vero amore oppure no

Non dare retta a te: gioca la matta e libera gli umori

Non dare retta a te: mettiti fretta che c’è da cominciare

Ci si può perdere: l’umido è cortina che ci ruba la città

Ti si può prendere? Foia è già da prima che golosa sgomita

3 animali così volgari e neppure pari

Tre di tre! la mischia gaia di vipere

C’è, come dire, questa cosa che scende e sale,

scende e sale

Balugina la magia di un groppo che è niente male da desiderare

Supersexysex al cubo: come va?

Ti suona bene? Ti suona regolare?

Supersexysex al cubo: come va?

Ti senti bene? Ti senti piu’ speciale?

3 animali così volgari e neppure pari

Tre di tre! La mischia gaia di vipere

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...